MISTERO ALLE PRESIDENZIALI - Hillary Clinton è stata sostituita da una sosia?

Hillary Clinton, candidata dei Democratici alle prossime elezioni presidenziali negli Stati Uniti,
si è sentita male durante le celebrazioni commemorative per l’11 settembre a Ground Zero. Clinton ha lasciato con discrezione la cerimonia ma qualcuno l’ha ripresa mentre aspettava la sua auto di servizio sorretta da alcuni assistenti.
Clinton si è poi fatta accompagnare a casa di sua figlia Chelsea, sempre a New York: si è ripresa rapidamente ed è uscita dal palazzo salutando i suoi sostenitori.
Hillary Clinton non è una politica particolarmente amata negli Stati Uniti: in molti (anche tra gli elettori Democratici) la vedono come una persona ambiziosa e poco trasparente e il suo malore di domenica ha fatto nascere (tra gli elettori più di destra) diverse teorie del complotto secondo cui in realtà Clinton stia nascondendo una malattia molto più grave della polmonite che ha poi detto di avere. Uno degli sviluppi di queste teorie complottiste è che la persona uscita a salutare sul marciapiede davanti a casa di Chelsea Clinton non fosse Hillary Clinton, ma una sosia usata per convincere gli elettori del buono stato della salute della candidata.
Una delle prove è che la Hillary Clinton uscita dal palazzo di New York sembra più magra della solita Hillary Clinton.
L’altra è che intorno a Clinton, fuori dal palazzo, non ci fossero gli agenti dei Servizi segreti che la scortano ovunque.


Im not yet convinced of  but you have to admit no secret service around her in street is weird.
E poi: l’indice della nuova Clinton è più lungo di quello della vera Clinton.


Visualizza l'immagine su TwitterVisualizza l'immagine su Twitter

@richardsyrett 
Hillary's index finder is longer than her ring finger. This is obviously not her
La nuova Clinton ha un aspetto più giovane di quella vecchia.
E ha un naso diverso.
Eccola! Trovata la sosia!


 SHE HAS BEEN FOUND!! Here is her Facebook and she claims to be an actress! RT RT RT
http://www.ilpost.it/flashes/sosia-hillary-clinton/

Nessun commento: