ECCO TUTTI I SENATORI A VITA CHE PAGHIAMO ANCHE DA MORTI

Riportiamo qui un articolo di liberoquotidiano.it di qualche anno fa che in questi giorni, però, è tornato attuale! Scrivono:
“La notizia di poche ore fa è che gli eredi di Giulio Andreotti hanno presentato al Senato la domanda per avere la liquidazione da Senatore a vita: si tratta di un milione di euro, il cosiddetto “assegno di fine mandato”, il tfr dei parlamentari che, nonostante gli importi, è calcolato su criteri molto simili a quelli dei “normali” lavoratori.

Ma Andreotti, ovviamente, non è l’unico a cui spetta il “tesoretto”: tutti i Senatori a vita hanno regolarmente ricevuto gli assegni di fine mandato dagli anni ’50 fino ad oggi. In tutto ne sono stati erogati 34, regolarmente incassati alla morte dei legittimi eredi in 32 casi e da associazioni di beneficenza in altri 2.”

Il caso Cossiga – Con i suoi 22 anni da Senatore a vita, Andreotti non è stato il più longevo: nella classifica generale viene battuto daCesare Merzagora (28 anni), Amintore Fanfani (27) e Giovanni Leone (23). Poi c’è Cossiga con 18 anni di Senatore a vita: il suo è l’unico caso in cui l’assegno di fine mandato è stato inserito nel bilancio pubblico del Senato. Per inciso, nel fondo di solidarietà per i senatori dell’anno 2010 è indicato il “pagamento agli eredi di persona deceduta” della cifra di 901.818,23 euro. E Cossiga era il solo senatore in carica deceduto nel 2010.

Gli altri nomi – Tra gli altri Senatori a vita deceduti nella storia repubblicana, tra gli altri, si rircordano Norberto Bobbio (20 anni di attività), Leo Valiani (19 anni),Giuseppe Saragat (17), Giovanni Gronchi (16 anni), Eugenio Montale (14 anni), Oscar Luigi Scalfaro(13 anni), Gianni Agnelli (12 anni) e Rita Levi Montalcini (11 anni). Tra i meno longevi, Arturo Toscanini (1 giorno solo, poi le dimissioni), Trilussa (20 giorni), Mario Luzi (4 mesi) e Vittorio Valletta (9 mesi).

fonte: http://www.liberoquotidiano.it/

Nessun commento: