Uranio e vaccini, 7.000 i militari malati (più 1000 già morti)


Linfomi e leucemie: è salito a 7.000 il numero dei militari italiani colpiti da tumori e patologie degenerative, mentre i soldati già morti sono diventati un migliaio, nel 2017.
Una strage silenziosa, che colpisce le nostre forze armate: sono oltre 400 i soli marinai colpiti da mesotelioma pleurico, il cancro provocato dal contatto con l’amianto, mentre a trasformare un ragazzo nel fiore degli anni in un malato grave, spesso terminale, sono l’uranio impoverito e altri materiali letali presenti negli armamenti (e nei poligoni di addestramento) insieme alla somministrazione approssimativa di troppi vaccini, spesso inoculati senza adeguate precauzioni. Lo afferma Ivan Catalano, vicepresidente della commissione difesa guidata da Gian Pietro Scanu, protagonista a febbraio di una clamorosa denuncia ampiamente silenziata dai media: il clima della campagna elettorale ha “imposto” il quasi-silenzio sul dramma dei militari italiani, a maggior ragione (dopo il decreto Lorenzin) su quelli colpiti da patologie che la commissione non esclude siano correlate con la somministrazione inappropriata dei vaccini. Risultato: migliaia di militari nei guai, insieme alle loro famiglie. «All’angoscia per la salute del congiunto si somma la sua solitudine di fronte allo Stato, che rifiuta di riconoscere il problema: così, ai soldati ammalatisi “per cause di servizio” non viene assicurato il trattamento cui avrebbero pieno diritto, anche in termini previdenziali».
Inutili le pressioni esercitate sul ministro della difesa Roberta Pinotti, a cui la commissione ha chiesto di fermare l’azione della potentissima avvocatura dello Stato: «Comprensibile che gli avvocati governativi (che dispongono di un budget illimitato) trovino ogni mezzo per evitare esborsi, ma non è giusto che un militare colpito da malattie “professionali” così gravi non venga riconosciuto come vittima da tutelare e risarcire», afferma Catalano, in un incontro pubblico promosso a Torino dal Movimento Roosevelt. «Abbiamo vagliato casi-limite particolarmente eloquenti: sono stati bollati come “renitenti” anche quei giovani ammalatisi improvvisamente, ragazzi che in pochi mesi hanno perso 20-30 chili di peso». 


SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

Sono in gioco dirittifondamentali, «ed è assurdo che i nostri militari siano considerati cittadini di serie B». Nel settore difesa non esiste terzietà né possibilità di contraddittorio, sono militari anche i sanitari e le commissioni preposte a vagliare i singoli casi. «Chiediamo invece che, ai soldati, i vaccini vengano somministrati dalle autorità sanitarie civili: solo per i carabinieri – afferma Catalano – abbiamo verificato che le vaccinazioni sono correttamente tracciate, mentre nelle altre forze armate non è sempre possibile risalire alla storia vaccinale di ogni militare, col rischio (non infrequente) che allo stesso soggetto vengano inoculate più volte le medesime vaccinazioni, spesso senza precauzioni e magari alla vigilia di missioni all’estero, senza cioè il tempo materiale di verificarne le eventuali reazioni avverse, sul piano della salute».
Proteggere i nostri militari: un impegno per il quale Catalano (eletto nei 5 Stelle, poi passato al gruppo misto) si è battuto come un leone, insieme ai colleghi della commissione difesa: «Tutto inutile, però: non siamo riusciti a ottenere un’apposita legge, né a far inserire nell’ultima finanziaria l’emendamento su “tutela assistenziale, previdenziale e sicurezza sul lavoro del personale militare”». Obiettivo: estendere anche ai soldati e alle forze di polizia le norme “salvavita” (infortuni sul lavoro e malattie professionali) che tutelano i lavoratori civili. «Un militare in missione sa perfettamente di essere in pericolo: fa parte del gioco, a patto che la minaccia provenga da un agente ostile, da un terrorista. Non è accettabile che soldati, avieri e marinai italiani rischino di veder pregiudicata per sempre la loro salute, a vent’anni, dal contatto improprio con armamenti “sporchi” o da vaccinazioni somministrate in modo inadeguato». In 8 casi su 10, poi, per andare incontro a rischi mortali non c’è bisogno di partire per l’Afghanistan: il “fuoco amico” è nettamente più pericoloso delle pallottole dei Talebani. E’ notoriamente scandaloso l’inquinamento permanente di poligoni di artiglieria come quelli del Salto di Quirra e di Capo Teulada in Sardegna. I soldati operano su terreni non bonificati, sui quali cadono migliaia di missili. «Il Movimento Roosevelt nasce per tutelare i diritti dell’uomo», ricorda Patrizia Scanu: «Tra questi, rientrano certamente anche quelli dei nostri militari, non adeguatamente riconosciuti, nonostante l’enorme lavoro di Ivan Calatano e degli altri parlamentari della commissione difesa. Un impegno, il loro, che provvederemo a ricordare al nuovo Parlamento: l’Italia deve assolutamente cambiare atteggiamento e tutelare nel modo migliore i suoi militari».

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

fonte http://www.libreidee.org/2018/03/uranio-e-vaccini-7-000-i-militari-malati-piu-1000-gia-morti/?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=feed+%28LIBRE+-+associazione+di+idee%29
stampa la pagina

2 commenti:

Unknown ha detto...

Mi sono congedato e prosciolto ad Agosto 2017 dopo aver pubblicamente sul sito del ministero DISCONOSCIUTO mattarella appena egli ha firmato il decreto assassino della Lorenzin. Mi sono prosciolto dalle Forze Speciali dell'esercito per un solo motivo: COMBATTERE QUESTA DITTATURA E DIFENDERE I BAMBINI E I MILITARI TUTTI DA QUESTO SCEMPIO ricordando a tutti come l'attuale presidente della Repubblica non meriti e non sia degno di essere a capo delle FFAA visto che egli stesso NEGÒ in parlamento da minstro della difesa il collegamento con i morti a causa dellam8anto e dell'uranio impoverito in Bosnia. NEGANDO spudoratamente che in quei luoghi avessero usato razzi all'uranio impoverito VERGOGNA. Vivo per questa lotta ma......SENZA RABBIA E SENZA VENDETTA. MA VINCERÒ Alessandro Barrocu

turi Ferlito ha detto...

Mi chiamo Salvatore Ferlito e sono un ex militare ammalatomi,per come avete citato sopra, dal cosiddetto fuoco amico nel 2004. Mi sono ammalato di leucemia dopo essere stato vaccinato e mandato a Niscemi in contrada ulmo dove esiste una base americana di telecomunicazioni (NTFR) adesso con il famoso MUOS. Nessun risarcimento, nessun riconoscimento ne per causa di servizio, ne per lo status di vittima del dovere. VERGOGNA!! Concordo con il fratello in armi Alessandro Barrocu, questo tizio (mattarella) non merita e non è degno di essere a capo delle FF.AA

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...