Il nuovo ‘asse del male’ si forma contro l’Iran

di Wayne Madsen


Il nuovo ‘asse del male’ si forma contro l’Iran
Un “asse del male”, il quadripartito che include Israele, Stati Uniti, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti sta spostando i suoi mezzi militari, conducendo azioni offensive coinvolgenti, invadendo e occupando territori stranieri, oltre a condurre una guerra economica in preparazione di un campagna militare contro l’Iran e i suoi alleati.

Settimane prima che Donald Trump rivedesse la partecipazione degli Stati Uniti all’iniziativa nucleare del piano d’azione congiunta (JCPOA) con l’Iran, la falsa propaganda sull’Iran era stata promulgata dall’intelligence israeliana. Trump ha illegalmente ritirato la firma degli Stati Uniti dall’accordo, assecondando le richieste del Primo Ministro israeliano Benyamin Netanyahu, del neocon per la sicurezza nazionale, John Bolton, e del segretario di Stato Mike Pompeo, oltre a tre facoltosi sostenitori della campagna elettorale di Trump – Sheldon Adelson, Bernard Marcus e Paul Singer.


SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM

In un evento che ricorda la produzione di documenti falsificati del governo Niger , da parte dei neocon e degli israeliani riguardanti l’acquisizione da parte dell’Iraq di uranio giallo dalla nazione dell’Africa occidentale – una azione che ha contribuito a condurre gli Stati Uniti in una disastrosa invasione e occupazione militare dell’Iraq – Israele ha affermato di aver rubato all’Iran un intero archivio di armi nucleari da un magazzino vicino a Teheran. Si dice che gli agenti del Mossad israeliano abbiano fatto irruzione nel magazzino e trasportato 100.000 documenti sul cosiddetto “Progetto Amad” dell’Iran al confine con l’Azerbaijan, dove altri agenti del Mossad hanno preso possesso dell’archivio e lo hanno trasportato in Israele.

Il Progetto Amad era rappresentato da Israele come il programma iraniano di armi nucleari in corso, una deduzione che gli ispettori dell’Agenzia Internazionale per l’Energia Atomica (IAEA) considerano una fantasia degli israeliani. Un portavoce del ministero degli Esteri dell’Azerbaigian ha dichiarato all’agenzia di stampa Azertag: “Siamo assolutamente convinti che questa informazione [gli archivi del Progetto Amad] non ha nulla a che fare con la verità ed è un falso completo.” Allo stesso modo, il governo del Niger aveva chiamato come falsi i documenti di uranio trafugati, ma senza successo. I neocons riuscirono a inserire le false dichiarazioni dell’uranio dek Niger-Iraq nel suo discorso sullo stato dell’Unione del gennaio 2003. Ora c’è il forte sospetto che Israele abbia convinto Trump che i falsi Amad erano reali, il che lo ha portato al ritiro unilaterale dal JCPOA.

Nelle ultime settimane, le forze degli Emirati Arabi Uniti hanno invaso e occupato Socotra, un gruppo di isole incontaminate che sono rivendicato dallo Yemen e sono ubicate in mezzo al Mar Arabico strategico. L’aeroporto e il porto marittimo delle isole di Socotra sono importanti per le forze israeliane come area di sosta intermedia per un attacco militare contro l’Iran. Si ritiene che, insieme ad una forza degli Emirati Arabi Uniti di personale armato militare, carri armati e trasporto truppe corazzati che hanno conquistato l’aeroporto, il porto, ed edifici governativi, il 30 aprile, ed erano forze mercenarie straniere della società di private, Reflex Reponses Management Consultancy LLC (R2 ), dirette dal fondatore di Blackwater, Erik Prince, socio politico di Trump e fratello di Betsy DeVos, Segretario all’istruzione degli Stati Uniti . La forza mercenaria R2 si è installata su una base militare chiamata Zayed Military City, situata al di fuori di Abu Dhabi, la capitale degli Emirati Arabi Uniti.Erik Prince, fondatore della Blackwater e socio di Trump

L’occupazione militare degli Emirati Arabi Uniti di Socotra coincide con la creazione del Comando delle operazioni speciali USA (Forward) Yemen all’interno della “Area di responsabilità dello Yemen”. Il personale del R2 di Prince è stato identificato con il personale militare statunitense ad Aden nel Sud Yemen, Eritrea, Gibuti, Somaliland e Seychelles.

Il Joint Aviation Command degli Emirati Arabi Uniti è guidato dall’ex comandante dell’esercito degli Stati Uniti, il colonnello Stephen Toumajan, promosso al grado di generale maggiore nelle forze armate degli Emirati Arabi Uniti. Conosciuto come “General Steve”, Toumajan è stato coinvolto con la R2 di Prince nel sostenere le operazioni militari degli Emirati Arabi Uniti nello Yemen per conto della coalizione guidata dai sauditi e in Libia a sostegno delle forze sostenute dagli USA di asset della Central Intelligence di lunga data, il generale Khalifa Haftar .

Prince e Toumajan servono il loro padrone, il principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti Mohammed bin Zayed al Nahayan. Come la sua controparte saudita, il principe ereditario Mohammed bin Salman al Saud, Zayed ha stretto un’alleanza con Israele nell’adottare severe sanzioni contro il Qatar, che è visto come troppo amichevole con l’Iran, e collaborando per aumentare le tensioni contro il presidente siriano Bashar al Assad.

Con la connivenza del Mossad, specializzato in falsi e notizie false, come visto con il “Progetto Amad” e le vendite di uranio Yellowcake in Iraq, Mohammed bin Zayed (MBZ) e Mohammed bin Salman (MBS) hanno tentato di destabilizzare il Qatar preparando una storia falsa e la pianta sul sito web dell’agenzia di stampa Qatar (QNA). La falsa storia sosteneva che l’emiro del Qatar si stava associando con l’Iran contro l’Arabia Saudita. Secondo quanto riferito, la falsa notizia è stata data dalla mente di Yousef al-Otaiba, l’ambasciatore degli Emirati Arabi Uniti negli Stati Uniti. Otaiba gode di cordiali rapporti con il Mossad israeliano, così come con il genero e consigliere di Trump, Jared Kushner.

Il fine ultimo dell’asse di Trump, Netanyahu, MBS dell’Arabia Saudita e MBZ degli Emirati Arabi Uniti è quello di coordinare un attacco militare contro l’Iran con l’obiettivo di “cambio di regime”.

L’occupazione degli Emirati Arabi Uniti di Socotra, in preparazione alla guerra con l’Iran, è stata un processo graduale. Cominciò con un programma di assistenza agli Emirati Arabi Uniti che includeva una nuova città degli Emirati Arabi Uniti sull’isola, nota come “Zayed Residential City 1.”

Gli invasori degli Emirati Arabi Uniti hanno incontrato il primo ministro yemenita Ahmed Obeid bin Daghr, che era in visita a Socotra al momento dell’invasione. Non soddisfatto del motivo ufficiale dato per l’invasione degli Emirati Arabi Uniti, bin Daghr ha postato su Facebook per dichiarare: “Il [30 aprile] … arrivarono i primi aerei militari degli Emirati che trasportavano due veicoli corazzati e più di 50 soldati degli Emirati, seguiti immediatamente da due altri velivoli che trasportano carri armati e veicoli corazzati e soldati … Questo ha sollevato una serie di domande e [I] ha lasciato l’isola in uno stato di ansia “.

Prince è stato coinvolto in una serie di operazioni che coinvolgono l’esercito degli Emirati Arabi Uniti, compreso il suo sostegno alla ri-dichiarazione di indipendenza dello Yemen del Sud dello Yemen; la sua cooperazione con l’Arabia Saudita nella guerra civile genocida in Yemen, che si rivolge principalmente contro il governo ribelle guidato dagli Houthi nel Nord Yemen; e l’acquisizione dei diritti di base navale nel porto di Berbera, nell’autoproclamata Repubblica del Somaliland. Nell’ottobre 2015, le forze degli Emirati Arabi Uniti, con il supporto riferito di Prince’s R2, hanno preso il controllo dell’isola Yemenita di Perim nello stretto strategico di Bab al-Mandab tra il Mar Rosso e il Golfo di Aden. L’isola era sotto il controllo delle forze ribelli yemenite Houthi che combattevano contro il governo fantoccio dello Yemen per il controllo dello Yemen.

Esistono speculazioni informate secondo cui gli Emirati Arabi Uniti stanno pianificando l’annessione di Socotra agli Emirati Arabi Uniti. Il Ministro di Stato per gli Affari Esteri degli Emirati Arabi Uniti, Anwar Gargash, ha dato la mano su una tale possibilità in un messaggio su Twitter che si riferiva alla “famiglia e alle relazioni storiche” degli Emirati Arabi Uniti con Socotra e il suo popolo. Probabilmente Gargash si riferiva al fatto che Socotra faceva parte del Sultanato di Mahra di Qishn ad Hadhramaut. Se gli Emirati Arabi Uniti progetteranno di annettere Socotra, potrebbe includere l’invito a un Sultanato del Mahra Sultanato di Qishn e Socotra restaurato a unirsi agli EAU come ottavo membro della federazione. Il Sultanato di Mahra avrebbe dovuto trasformarsi in un emirato o gli Emirati Arabi avrebbero dovuto cambiare il suo nome in “Emirati Arabi Uniti e Sultanati”, specialmente se fosse stato restaurato Qua’iti Stato di Hadhramaut, Stato di Kathiri di Seiyun, e il Sultanato di Lahej si uniscono agli Emirati Arabi Uniti o “Emirati Arabi Uniti” come membri, espandendo così gli Emirati Arabi Uniti per includere quello che ora è il Sud Yemen. Se ciò dovesse accadere, il Sultanato dell’Oman, che si troverebbe tra la federazione biforcata, si sentirebbe minacciato.Mercenari degli EAU

Prima di espandersi a sud con l’annessione del Sud dello Yemen e di Socotra, gli Emirati Arabi Uniti hanno dovuto affrontare potenziali problemi interni a casa. Sheikha Latifa, figlia del vicepresidente e emiro di Dubai degli Emirati Arabi, Sheik Mohammed bin Rashid al Maktoum, è stata recentemente rapita da uno yacht nello stato indiano di Goa. Latifa è stata una costante critica del governo di suo padre e ha chiesto riforme democratiche all’interno degli Emirati Arabi Uniti. Dall’età di 18 anni, a quanto riferito Latifa è stato rifiutato il permesso di lasciare gli Emirati Arabi Uniti. A febbraio, Latifa cercò di fuggire. Entrando furtivamente nell’Oman, Latifa e un amico finlandese hanno usato le moto d’acqua per raggiungere lo yacht, The Nostromo, ancorato in acque internazionali e capitanato da Hervé Jaubert, un cittadino statunitense ed ex ufficiale dei servizi segreti francesi. Navi navali degli EAU e dell’India, – probabilmente includendo i mercenari R2 del principe e l’aereo del “Generale Steve” – hanno rimosso con la forza Latifa e il suo compagno finlandese e li hanno rimpatriati nuovamente a Dubai.

Lo scenario del rapimento in mare è simile all’eliminazione da parte di MBS di membri anziani della Casa di Saud e di eminenti ministri e uomini d’affari sauditi dopo che Kushner ha condiviso con le trascrizioni del principe ereditario dalle comunicazioni dei sauditi. Coloro che hanno espresso opposizione a MBS sono stati detenuti e alcuni sono stati torturati. Alcuni di coloro che sono stati torturati sono morti per infarto sotto stress.

L’asse del male di Stati Uniti, Israele, Arabia Saudita e Emirati Arabi Uniti sta per imbarcarsi in una guerra destabilizzante contro l’Iran. Il disastro creato da questi stessi partiti in Iraq sarà ingrandito su scala persino maggiore in Iran. Il mondo può difficilmente sopportare e permettere che si verifichi una tale calamità.

SEGUICI SENZA CENSURE SU TELEGRAM


Traduzione: Luciano Lago

stampa la pagina

Nessun commento:

Post più popolari

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...